Cerca articoli su photoXgraph

Ricerca personalizzata

Risultati

venerdì 14 dicembre 2007

Vendere Foto On-Line


Fioriscono ovunque sistemi per creare gallerie di foto on-line che sicuramente offrono una vetrina per i neo-fotografi, per farsi conoscere, apprezzare ed ottenere anche delle buone possibilità di ingaggio.
Certamente i siti che ospitano gratuitamente queste immagini ottengono numeroso materiale che gli permette di generare consistenti volumi di traffico.

Ma proviamo a considerare anche la possibilità che mentre siamo in giro con la nostra fotocamera digitale od anche il telefonino, ci dovesse capitare di assistere ad un evento davvero eccezionale e di essere gli unici a poterlo documentare con le nostre foto.

In questo caso cosa faremmo ? La esporremmo su Flickr ?
Proveremmo a venderla a qualche giornale se trattasi di foto di cronaca?
Ed a quanto?
A tutte queste domande risponde con un servizio esclusivo la più grande agenzia del mondo.
Si tratta di Scoopt, l'agenzia disponibile ad accettare l'incarico di vendere per conto nostro le foto eccezionali incaricandosi di contattare quasi tutte le migliori testate editoriali del mondo.

Se la foto è davvero la testimonianza di un importante avvenimento di cronaca è accettata anche la misera qualità di un telefonino pur di aver documentato l'avvenimento.

Fate un giro sulla gallery e se ritenete di avere foto più interessanti di quelle che sono esposte provate a proporle. Il servizio richiede una semplice registrazione, l'invio attraverso email delle immagini e la ricezione dei corrispettivi pagati per la vendita della vostra immagine al netto delle commissioni di agenzia.

Naturalmente bisogna conoscere l'inglese per intrattenere i rapporti via email con l'agenzia.

Qualsiasi dubbio può essere chiarito attraverso la lettura delle faq.

Naturalmente questo è il servizio per vendere le foto di eventi eccezionali, per vendere invece belle immagini ma di repertorio , ad esempio collezioni di fiori, animali, paesaggi, ecc. ci sono altri servizi di agenzia che vi segnalerò nel prossimo articolo vendere foto.

Intanto preparate immagini ad alta risoluzione . Infatti l'editoria necessita di 300 dpi di risoluzione.

3 commenti:

Gianni ha detto...

Bello il secondo articolo su vendere foto. Decisamente più accessibile per un classico fotoamatore. Seguo il tuo consiglio di iscrivermi a fotolia.
Quello sull'opportunità italiana Uzoom sai come sta andando, se pagano, se vendono. Non vedo contatori.

photoxgraph ha detto...

Gianni, come avrai visto l'articolo è stato scritto quando uzoom si affacciava al mercato. Da allora sono aumentati gli iscritti ma effettivamente non ho visto la stessa trasparenza di info come fotolia. Questa estate avendo un po ditempo avevo pensato di inviare delle foto ad uzoom, ma avendo i tuoi stessi interrogativi ho pensato di fargli qualche domanda. Non ho ricevuto alcuna risposta, forse avranno interpretato male il mio eccesso di curiosità o non volevano fornire dati per timore che li pubblicassi. Sicuramente in caso di risultati positivi l'avrei fatto ma sarebbe bastato dirmi di non divulgarli. Gli avevo pubblicato una bella recensione, forse me lo dovevano. Invece il silenzio. Ovviamente non ho più inviato nulla. Decidi tu, non vorrei che la mia esperienza negativa ti facesse mancare un'opportunità, bisognerebbe contattare qualcuno degli iscritti. Ciao

StampaEventi ha detto...

Se le vostre foto riguardano eventi (principalmente sportivi, ma anche sociali) vi suggerisco di visitare questo sito:
www.stampaeventi.it

Le commissioni variano a seconda del tipo di contratto sottoscritto, ma vi è massima trasparenza nella gestione del proprio account, compresa la possibilità di specificare i prezzi di vendita delle foto.

Sottoscrivi feed

Archivio per data di pubblicazione

PhotoXgraph........ ovvero.... i mille appunti sulla disordinata scrivania di.......... Serena Chiatante

Declaratoria legale ai sensi della legge 62 del 7 Marzo 2001

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001