Cerca articoli su photoXgraph

Ricerca personalizzata

Risultati

venerdì 26 novembre 2010

25 novembre-la giornata contro la violenza sulle donne:il festival dell'ipocrisia

Uno spettacolo deprimente.
Un festival di ipocrisia.

Partecipanti :
A - "chi si esprime" citando che si tratta di una giornata contro la violenza "delle" donne come se le donne siano diventate soggetto di violenza invece che subirle.
Peccato che non si trattasse del frasario dell'uomo della strada ma di insigni ministri.

B - Chi si meraviglia che ancora "ai giorni nostri" possano succedere queste cose mentre nella pausa pubblicitaria passa uno spot che mercifica il corpo delle donne.

C - Donne che non rispettano se stesse perchè per prime hanno prestato il proprio corpo alla carriera perchè più facilmente mostrabile qualche centimetro di pelle che lo spessore del proprio cervello.

Tutto questo mentre ogni giorno si educano le generazioni ad un morboso uso della propria attenzione.

Ed allora via col festival mentre milioni di persone sono incollate alla visione delle mutandine della Marcuzzi e gli avventi del Grande Fratello.
Via alla selezione del miglior cameramen, quello più capace di inquadrare dal basso la velina di turno.

Martellare ogni giorno con immagini di donne che non hanno nulla da dire se non piegarsi ad essere usate per vendere qualsiasi cosa.
Una donna che offende se stessa perchè non sa dire di no a proposte che la sviliscono.
Una donna che si piega a burattino di gomma pur di monetizzare ciò che madre natura gli ha regalato.

Salvo poi meravigliarsi come mai ciò che ha mostrato come mercanzia in vendita diventi anch'essa oggetto da consumare per strada come qualsiasi oggetto a cui si è volontariamente accostata.

Sappiamo scandalizzarci e far ritirare lo spot Calzedonia perché offendeva l'inno d'Italia ma nel frattempo ricordava che accanto ad ogni Fratello d'Italia c'era una Donna che soffriva e moriva insieme, ma di quanti altri spot abbiamo avuto lo stesso ribrezzo ed abbiamo cominciato a non comprare più quella marca pubblicizzata?

Immaginate l'effetto se ad uno spot allusivo, osceno, stupido corrispondesse un brusco calo delle vendite di quell'oggetto o di quella marca cosa succederebbe. Ed allora il telecomando lo hanno proprio le donne maggiormente deputate agli acquisti, non basta cambiare canale, bisogna spegnere le vendite.
Ed anche c'è bisogno di una nuova cultura della "Donna" che sappia difendersi dalla manipolazione di pubblicitari ed autori, dalle carriere e successi facili, dai compromessi anche se mascherati da artistici.

Ho spento la televisione e sono tornata al mio computer dove sono io a scegliere cosa guardare e quali argomenti approfondire.

Ed ho fatto bene perché come voci fuori dal coro ho trovato qualcuno che non si meraviglia di ciò che succede ma va a cercare le cause, le individua e le denuncia con forza e chiarezza.

Sono Elisa Giomi e Daniela Pitti che hanno realizzato un video dove
denunciano le forme di impiego del corpo femminile nella pubblicità a mezzo stampa e sui dispositivi che hanno l’effetto di “de-umanizzare” le donne, privandole dell’identità, della soggettività e ancor più a monte dello stesso status di persona.

Il loro scopo è dimostrare che ... " Questo effetto si produce attraverso immagini in cui il volto è tagliato o coperto o la donna ripresa di spalle; attraverso immagini in cui la donna è a diverso titolo “animalizzata”, o il suo corpo dormiente, inanimato, atteggiato in pose innaturali

In tutti i casi, in pubblicità le donne contano per il loro corpo e poche sono coloro che ottengono visibilità grazie a qualità e in ruoli diversi da quelli del feticcio sessuale.
 Viceversa, abbiamo una schiera di corpi senza donne”.

Guardatevi il video e ditemi se non è il caso di dirgli grazie a nome di tutte le donne che nella vita si impegnano per migliorare questa società nei loro ruoli, di ricercatrici, di educatrici, di lavoratrici ma anche solo di sensibili ed affettuose compagne di vita.



Questo è il link a you tube per divulgarlo: http://www.youtube.com/watch?v=u_ER_8ic4rs&feature=player_embedded#!

questo il sito: http://www.zeroviolenzadonne.it/index.php?option=com_content&view=category&layout=blog&id=39&Itemid=59

mercoledì 17 novembre 2010

Winzip anche per Mac

Dopo 20 anni in cui Winzip è diventata tra le più diffuse utility per comprimere file su sistema operativo Windows, per la prima volta, è stata sviluppata una versione per Mac.
Naturalmente i file zip sono apribili senza alcuna utility direttamente dal Mac così come è possibile crearli altrettanto facilmente ma per gli altri formati, uno fra tanti ad esempio il rar oppure il sit, c'è bisogno di una utility. Quale scegliere?
Le proposte gratuite sono davvero tante come Yemuzip , oppure il 7zx
La lotta per riconquistare un mercato dominato anche da ottime applicazioni a pagamento  come Stuffit (l'expander è anch'esso gratuito) sarà forte ma sicuramente la spinta è stata quella di mantenere affezionati al Winzip tutti i nuovi utilizzatori di Mac che provengono da Windows e che troveranno simpatico transitare in maniera indolore da un sistema all'altro mantenendo le vecchie abitudini.

Chi fosse interessato può trovare maggiori informazioni a questo link:
http://www.winzip.com/mac/en/index.htm

oppure scaricare la versione trial direttamente da qui: http://www.winzip.com/mac/en/download_mac.htm

Hdr online dai creatori di Vectormagic

Semplicemente impostando il bracketer sulla propria reflex, cioè scattando tre immagini della stessa scena, con una sovraesposizione di 2 stop ed una sottoesposizione di 2 stop, in maniera automatica se la macchina lo consente, oppure in manuale secondo il tutorial che lo stesso sito fornisce , è possibile ottenere on line un'immagine in high dynamic range.

Facile e veloce anche se ancora in beta, un'occasione per avvicinare neofiti a questa tecnica che può fornire risultati spettacolari.
Più di qualche professionista credo concorderà con me che i risultati possono essere discutibili, ma come tutte le espressioni artistiche perchè non cimentarsi?
Può essere un'occasione per scoprire il proprio talento.

link: http://www.yohdr.com/

giovedì 11 novembre 2010

Finita la rincorsa ai Megapixel? Si torna a pixel più grandi e HS system

La strada imboccata di dotare le macchine fotografiche di un numero sempre maggiore di pixel sembra aver trovato una battuta di arresto.
La Canon con alcuni suoi modelli tra cui spicca la Powershot g12, una macchina con vocazioni professionali pur senza essere reflex, si dota di un nuovo sistema HS che abbinato con il processore DIGIC 4 ed il  sensore di "soli"a 10 megapixel ottiene un abbassamento dei livelli di rumore fino al 60% a tutte le velocità ISO.

La risoluzione da 10 megapixel invece di risoluzioni maggiori,  significa , per stessa ammissione di Canon, che ci sono pixel più grandi che sono in grado di acquisire più luce e questa sensibilità maggiore porta a immagini più chiare e rifinite con livelli minori di rumore non desiderato.
 L'HS System trova la sua vera natura nelle condizioni di scarsa illuminazione, ad esempio quando si devono acquisire soggetti esposti correttamente su uno sfondo scuro di notte o soggetti in movimento in un ambiente interno.
Probabilmente questa inversione di tendenza non può che far bene alla fotografia perché ora si svilupperà la ricerca più che sulla battaglia del numero dei Mega pixel da stipare in mini sensori, invece su sensori più grandi più fedeli cromaticamente, più nitidi.
A quando le macchine reflex del formato 35 mm con sensori più grandi, lo spazio all'interno delle macchine sembra esserci, anche se questo comporterà un'inevitabile invecchiamento di tutto il parco ottico attualmente esistente per le full-frame. 
Se qualcuno si stesse chiedendo a cosa possa servire avere più luce, visto che con le digitali non è necessario montare una pellicola di maggiore sensibilità per cogliere anche la più debole luminosità, ma basta agire sul selettore degli ISO, viene facile rispondere che la maggiore granulosità, parzialmente correggibile in fase di post-produzione, mal si addice con le deboli sfumature che una penombra soffusa riesce a creare.

Un esempio in questa immagine tratta dal tutorial Canon che potete leggere da qui:
 https://www.canon.it/youconnect_newsletter/tutorials/night_photography/index.aspx

mercoledì 10 novembre 2010

Adsense rinnova l'interfaccia per i Publisher

Google adsense rinnova la grafica e migliora gli strumenti e la leggibilità per i Publisher.
La nuova interfaccia di AdSense offre caratteristiche quali resoconti maggiormente dettagliati con grafici e l'abilità di completare azioni frequenti in blocco. Se sei interessato a partecipare al beta test della nuova interfaccia, richiedi un invito riempiendo il modulo relativo.

Ho trovato decisamente interessante la migliore leggibilità del pannello di controllo e più accessibile la cronologia dei pagamenti. Provatela per verificare se quanto ho rilevato può esservi utile altrimenti è sempre possibile tornare alla visualizzazione precedente.

Poiché si tratta di un beta test limitato, non è ancora esteso l'invito a tutti i publisher ma assicurano di soddisfare il maggior numero di richieste possibile.
Per cui bisogna affrettarsi per essere i primi oppure sperare di essere selezionati come betatester automaticamente da Google.
 Io comunque vi segnalo il:
Link per invito

sabato 6 novembre 2010

Aggiungi un metronomo al tuo Mac

Un programma semplice e gratuito per aggiungere un Metronomo al Mac viene offerto da BravoBug software. I musicisti lo troveranno parecchio utile soprattutto per la grande semplicità di configurazione e la ovvia precisione, trattandosi di uno strumento comandato dal cuore del Mac.
L'indirizzo dove scaricarlo : http://bravobug.com/downloads/MacMetronome.zip

Della stessa software house, sempre free, un Mactimer (nuova versione 3.1), con cui programmare appuntamenti o far eseguire apple script ad un orario programmato.
 il link per il download: http://bravobug.com/downloads/MacTimer.zip

Magic Mouse Apple - un pieno di funzioni aggiuntive

Il Magic Mouse della Apple ha abolito i tasti e lo scorrimento rendendo la superficie dello stesso mouse sensibile ad uno scorrimento multiplo delle dita.
Come se non bastasse quanto già progettato dagli ingegneri Apple si è aggiunta l'opera di un programmatore indipendente che offre gratuitamente un programma che aggiunge numerose funzioni al mouse, dall'incremento della velocità fino al 200% fino alla possibilità di indicare diverse aree di personalizzazione cui abbinare funzioni.
Sebbene per il mio lavoro privilegi mouse con un impugnatura più ergonomica come i Logitech MX Revolution  corredati di tappetini poggiapolsi, la prova di questo mouse con le funzioni aggiuntive mi ha piacevolmente sorpreso.
Con il tempo vedremo se mi convincerà ad abbandonare la classica presa a pugno per una più distesa in punta di dita.
Nel frattempo per coloro che il Magic Mouse lo hanno avuto di corredo con l'ultima generazione di Imac perchè non provare questa fantastica utility free ? Sono solo 1,9 mb di funzioni aggiuntive e personalizzabili cui non aveva pensato neppure Apple.
Naturalmente non essendo un software ufficiale, qualche problema può darlo su alcune configurazioni video e macchine più datate.
Anche se è di facile disinstallazione, prima di provarlo conviene guardare le problematiche segnalate dalla spontanea comunità di utilizzatori per vedere se la propria macchina ha caratteristiche che possano far insorgere problemi : http://getsatisfaction.com/magicprefs/problems/recent

Per il download diretto: http://magicprefs.com/MagicPrefs.app.zip

Sottoscrivi feed

PhotoXgraph........ ovvero.... i mille appunti sulla disordinata scrivania di.......... Serena Chiatante

Declaratoria legale ai sensi della legge 62 del 7 Marzo 2001

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001