Cerca articoli su photoXgraph

Ricerca personalizzata

Risultati

lunedì 31 dicembre 2007

ReactOS. Il futuro clone free di Windows?


Il progetto di duplicare il sistema operativo di Windows continua ad andare avanti, certo più contributi ci sono prima si supera l'attuale stadio di alpha per arrivare ad un sistema operativo stabile.
Vi voglio quindi parlare di ReactOs e lo voglio fare con le parole dei fondatori del progetto che meglio spiegano la loro filosofia, pur rammentandovi che siamo ancora lontani dalla versione definitiva e quindi non è consigliabile farne un download per un uso definitivo, ma solo per sperimentarlo, e contribuire a migliorarlo e fornire al mondo un'alternativa.

Personalmente posso dirvi che la mia piccola sperimentazione mi ha consentito di vedere che i software realizzati per Windows, soprattutto i programmi di grafica, vanno molto bene su questo sistema operativo ed i crash non sono così frequenti come sarebbe logico aspettarsi. L'interfaccia grafica poi è difficile riconoscerla rispetto al Windows XP.

Passiamo quindi alla descrizione del ReactOS.

ReactOS è un sistema operativo libero e open-source basato sull'architettura di Windows. Fornisce il supporto per le attuali applicazioni ed i driver e un'alternativa all'attuale e dominante sistema operativo consumer.

Sarebbe forse importante cominciare dicendo cosa ReactOS - non è -. Non è un altro involucro costruito su Linux, come WINE. Non tenta o non progetta di mettersi in competizione con WINE; infatti, la parte user-mode di ReactOS è quasi interamente basata su WINE e le nostre due squadre hanno legami stretti. ReactOS non è inoltre "un OS (sistema operativo) come tanti altri". Non tenta di essere un terzo giocatore, come SkyOS o qualunque altro OS di alternativa. Questo non vuol dire che bisogna disinstallare Linux per fare posto a ReactOS; ReactOS sostituisce l'OS per gli utenti di Windows. Come tale, questo ha creato incomprensioni da entrambi i lati. Gli utenti Linux spesso si domandano perchè diluire il mondo open source creando un OS simile a Windows; non inibirebbe molte persone a migrare verso Mac/Linux?

Gli sviluppatori di Windows, d'altra parte, non capiscono la necessità di reinventare la ruota da un OS che non ha l'alta qualità e il supporto che Windows possiede.

Il punto forte di ReactOS è che molte persone, e specialmente aziende, non migreranno - mai - a Linux. Non importa in che cosa Linux riesca meglio, o sia migliore, non è un'opzione per loro. Molte persone usano ancora il kernel 2.2 di Linux e si rifiutano di aggiornarlo ad una nuova versione dello stesso OS; da qui è ben comprensibile come altri siano ben poco disposti a migrare ad un OS interamente nuovo. Finora, l'open source non ha avuto modo di raggiungere queste persone. Certo, altre applicazioni libere potrebbero eliminare lentamente le applicazioni di Microsoft, quali Office e Explorer, ma è difficile sostituire il sistema operativo.

Questo è l'obiettivo ed il pubblico progettato per ReactOS. Attraverso le proprie compatibilità e la consistenza visiva con Windows, molti dei problemi che le persone o le aziende affrontano quando migrano a Linux sono risolti: per aggiornare tutti al nuovo OS, aumentano i costi del supporto, bisogna acquistare o scrivere il nuovo software, aumentano le incompatibilità hardware e la lista dei problemi cresce. Con ReactOS, tutte queste preoccupazioni spariscono, eccetto forse per il fatto che ogni contratto di supporto con Microsoft sarà inutilizzabile (tuttavia, il tecnico o il personale di terze parti incaricato non avrà problemi per questo). Una buona prova per ReactOS, nella relativa versione definitiva, sarebbe di installarla segretamente sul computer della nonna e vedere se nota il cambiamento. Se può ancora utilizzare il pc come prima, allora ReactOS ha avuto successo in qualche zona dove Linux certamente sarebbe venuto a mancare. Di conseguenza, il timore che ReactOS competerà ad altri sistemi operativi alternativi non è fondato; competerà soltanto con Windows.

Anche se attualmente l'utilizzo e la disponibilità dei sorgenti di ReactOS è rivolta ai programmatori (per espanderlo e migliorarlo), non è necessario essere uno scienziato nucleare per usarlo e la sua versione finale avrà un interfaccia interamente User-Friendly. Se prima avete usato Windows, vi troverete in un ambiente esperto con ReactOS. La curva dell'aprendimento, se presente, dovrebbe essere minima, poiché ReactOS duplica molte delle applet dell'ambiente di Windows, dei pannelli di controllo e dei dialoghi grafici (Windows 2000/XP/2003, non di Vista).

L'obiettivo attualmente è quello di sviluppare ReactOS ad una fase in cui sia capace di far funzionare la maggior parte dei driver ed applicazioni di Windows "fuori dalla scatola". Ciò non significa che ReactOS si fermerà a questo punto.

Opporsi al monopolio Microsoft sui sistemi operativi desktop era solo un sogno una volta, sempre più sviluppatori si stanno unendo a… ReactOS

Un progetto nato nel 1996 come clone di windows 95, solo ultimamente ha subito una forte accelerazione grazie al contributo di nuovi programmatori.
Attualmente siamo alla versione 0.3.3.

La versione 0.3.4 prevista per dicembre è stata rinviata a causa di bug, mentre per arrivare alla definitiva bisognerà attendere la 0.5

Si cercano volontari per accelerare ulteriormente il progetto.

sabato 29 dicembre 2007

L'Eurisko intervisterà 42000 persone nel 2008

La rapida evoluzione dei nuovi stili di vita ed il sempre maggiore tempo passato fuori casa, hanno portato a decidere gli acquisti ponendo sempre più attenzione agli stimoli che avvengono direttamente presso i punti vendita.

Ma come avviene la decisone di acquisto ?

Serve quindi un’analisi continuativa per monitorare:

  • quanti sono i frequentatori dei singoli luoghi, quale la copertura e quale la frequenza?
  • chi sono i frequentatori in termini socio-demografici ed in termini stilistici?
  • come avvengono le scelte delle varie categorie merceologiche?
  • come si modifica, nel tempo, il comportamento (copertura e frequenza dei singoli punti vendita, scelta di prodotti/marche), anche a seguito di eventi/proposte.
Per poter dare una risposta a tute queste domande l'Eurisko porrà l'attenzione a tutti i posti frequentati fuori dal tempo speso ordinariamente per l'attività lavorativa. Quindi si passnoa all'esame i luoghi dove nascono le oppotunità di consumi:

  • Tempo "non vincolato (palestre/centri benessere/piscine, luoghi degli eventi sportivi, mostre/musei/gallerie d’arte, concerti, conferenze/eventi culturali, chiesa, teatri, cinema, ecc.)
  • Mobilità (agenzie viaggio, alberghi, treni - stazioni ferroviarie, mezzi pubblici, stazioni di servizio, autostrade, autogrill, aeroporti, concessionarie auto, ecc.)
  • Servizi (ospedali/centri diagnostici, uffici pubblici, banche, assicurazioni, uffici postali, ecc.)
  • Bisogni fmcg (centri commerciali, ipermercati, supermercati, grandi magazzini /department stores, outlets, ecc.)
  • Bisogni puntuali (edicole, librerie, farmacie, bar, ristorazione veloce, parrucchieri, negozi ottica, negozi arredamento, negozi abbigliamento, negozi calzature, ecc.)

Questa ricerca si propone anche la misura sistematica di eventuali Radio o TV che venissero diffuse all’interno di catene della Grande Distribuzione, piuttosto che all’interno di filiali/sportelli di determinate Grandi Banche, ecc.

In questo caso la ricerca si basa su un campione più vasto , comprenderà infatti 42.000 interviste personali face to face.
La rilevazione si estende per 42 settimane (1.000 casi alla settimana)
e verrà avviata a gennaio 2008 per una durata di 12 mesi.

Clicca qui per sapere chi è GfK Eurisko e quali prodotti sono già disponibili.

venerdì 28 dicembre 2007

EMM – Eurisko Multi-Media Monitor

Una metodologia messa a punto da GfK Eurisko, permette di analizzare le abitudini multimediali degli italiani attraverso un meter elettronico passivo, personale, portatile, tanto piccolo che si tiene nel palmo di una mano e talmente automatico e preciso da superare i limiti delle rilevazioni svolte attraverso le interviste telefoniche o lo stesso discusso sistema auditel.

Il risultato si ottiene analizzando il time budget multimediale, minuto per minuto, giorno per giorno, per 28 giorni, di un panel di popolazione adulta, in modo oggettivo, monitorando continuativamente l’esposizione ai seguenti mezzi:

  • TV nazionali e satellitari
  • Radio nazionali
  • Quotidiani (informazione, finanziari, sportivi)
  • Periodici (sia settimanali che mensili)
  • Internet
  • Cinema
  • Comunicazioni postali (DM)

Rilevare contestualmente anche tutte le informazioni (sociodemografiche, stili, consumi) utili per la definizione del target.

La rilevazione viene effettuata su un campione di 2.000 casi, integrato da un oversample di individui dotati di parabola satellitare, dotando ogni panelista di un Meter EMM. La rilevazione si protrae per 4 settimane, consentendo quindi il monitoraggio continuo di oltre 60.000 giornate. Sono previsti, durante la rilevazione, anche 5 contatti/interviste personali, finalizzati sia alla profilazione, sia alla raccolta e classificazione di tutta la comunicazione postale, sia al monitoraggio e "tonificazione” della compliance di ogni singolo panelista.
I risultati, oltre ai classici rapporti di analisi, prevedono anche la fornitura del file dati con software utili sia per effettuare elaborazioni in autonomia, sia per attività di pianificazione media.

Già testato per la prima volta nei mesi di ottobre e novembre 2006 su un campione di 2.300 persone, il meter ha rilevato automaticamente i segnali sonori di radio (nazionali) e tv (nazionali e satellitari), mentre per stampa, internet e cinema ha avuto bisogno di una piccola collaborazione della persona, cioè la lettura del codice a barre del giornale.

Il primo dato che è emerso dall’indagine è che gli italiani sono esposti ad almeno un "mass-media" tra quelli presi in esame, per 4 ore e mezza al giorno.

Altro dato: il 95% della popolazione (quindi anche i non possessori di parabola) è esposta alla tv satellitare per almeno un minuto al mese, e il 73% per almeno un minuto alla settimana. Ma più che i dati complessivi, sono importanti quelli sui comportamenti delle diversi stili di medialità delle persone: Emm ne rileva dieci, che possono essere raggiunti con media-mix molto diversi, mirati.

La nuova rilevazione è già stata effettuata nei mesi di ottobre – novembre 2007 ed i risultati saranno disponibili per il mese di febbraio 2008.

Gli stili di vita degli italiani saranno cambiati ?
Per fornire un'attendibile risposta insieme a questo progetto l'Eurisko ne ha lanciato un'altro che si svolgerà nel 2008 e di cui parlerò nel prossimo articolo.

mercoledì 26 dicembre 2007

Altre 4200 Textures free

Sperando di fare cosa gradita agli insaziabili cacciatori di textures, segnalo altre 4200 immagini rese disponibili dal sito degli Architetti (sito chiuso)

Regolarmente zippate e suddivise per tipologie a partire dalle texture di alberi,
passando per le varie tipologie, asfalto,
cuoio, erba, fuoco, legno,
muretti,
marmi, oro, ed altre ancora

fino alle trame del vimini.

Altre texture cliccando sulla tag texture in basso.


lunedì 24 dicembre 2007

Auguri !

Cari amici,
vi auguro Buon Natale

Le due gif a tema natalizio sono tratte dal sito Passione grafica , su cui potete trovare altre risorse speciali come filtri, maschere, gradienti e tubes per Paint Shop.
Per un riepilogo delle altre risorse grafiche segnalate su questo sito clikkate qui.

venerdì 21 dicembre 2007

I vincitori del concorso di Siracusa

Il Comune di Siracusa ha reso noti i risultati del concorso per il marchio e il logo della città di Siracusa.




1° classificato: Gianni Sinni, Firenze.






2° classificato: Silvye Garrone e Annalisa Gatto, Genova.






3° classificato: Adrien Leroy, Colombes (Francia).


Il resto dei progetti e la menzione speciale sono disponibili sul sito del Comune



Menzione speciale: Anthony Willow, Saint Paul (Minnesota - U.S.A.).

giovedì 20 dicembre 2007

JTV - Nasce la Tv dei fotografi -



Questo l'annuncio nella mia email e l'invito a fare da beta tester

"Cari amici,
vogliamo condividere con voi un momento importante per la nostra attività: si tratta del lavoro che stiamo svolgendo da mesi, e che presto vedrà la luce. Si tratta - ne abbiamo accennato durante alcuni eventi in giro per l'Italia - del progetto JumperTV, ovvero della prima televisione italiana dedicata ai fotografi professionisti. Si "consuma" via web, è totalmente gratuita e si propone di offrire contenuti di qualità nella modalità che riscuote maggiore successo: il mezzo televisivo, appunto.

Siamo stati molto titubanti se farvi dare ora una sbirciatina, quando ancora le cose non sono a posto, ma ci siamo detti che questo progetto - come tutti quelli che abbiamo sviluppato da sempre - ha bisogno di voi ed è bello condividerlo con voi."

E continuando si coglie meglio la loro filosofia.

"C'è ancora da mettere a posto molto: la risoluzione dei video migliorerà, forse anche l'interattività, forse non tutti i video useranno questo player e questo servizio. Se diciamo "BETA Version" non facciamo come Google, che quando esce in beta è già tutto fighissimo. Noi usciamo in beta per capire gli errori, per migliorarli, per fare quello che abbiamo sempre fatto: sperimentare in prima linea; i contenuti della JumperTV saranno anche quelli della crescita tecnica, che condivideremo con voi. Perché... anche questo è un argomento: mostrarsi sempre al meglio significa nascondere gli errori, e siamo dell'idea che sia più formativo imparare dagli errori degli altri. Specialmente da coloro che hanno l'umiltà di dichiararlo."

Non so perchè, ma nutro una profonda simpatia per "Quelli" di Jumper.

Sarà forse perchè in un paese di talk show aggressivi, di grandi esperti tuttologi, di grandi critici del lavoro degli altri, senza mai vedere cosa sia l'alternativa al loro puntuale demolire criticamente chi fa, o tenta di fare, sia pure sbagliando, trovare chi con tanta umiltà fa e continua a fare i fatti più delle chiacchiere mi piace ...ma tanto... tanto.

In questi casi è d'obbligo il classico......IN BOCCA AL LUPOOO!

Vendere Fotografie

Nel precedente articolo abbiamo evidenziato la possibilità di vendere foto di eventi eccezionali, ora voglio approfondire la possibilità di vendere immagini di repertorio.


Le strade possibili sono due : o cercare di vendere molte immagini a prezzo basso o un numero inferiore ma a prezzi più alti.
Per la prima possibilità credo che un ottimo servizio sia offerto da Fotolia.



Iscrivendosi c'è la possibilità di vendere foto di varie grandezze e di varie risoluzioni a prezzi che variano dall'euro ai tre euro. La percentuale riconosciuta al fotografo è a partire dal 33 % e sale fino al 50% nel caso si conceda all'agenzia l'esclusiva.
Attualmente sono iscritti a questo servizio 517.411 creativi, designers, art directors, fotografi.
Il totale delle immagini depositate è di oltre 2.800.000.
Ovvio che il poter disporre di immagini di grande qualità a prezzi così bassi fa di questa banca immagini la più gettonata da parte degli acquirenti. Se provate a fare un giro nella galleria delle immagini più vendute vi consentirà di constatare come molte campagne pubblicitarie hanno attinto proprio da questo servizio.

In alternativa c'è il servizio offerto da Citizen Image.(aggiornamento -da gennaio 2009 non è più attivo)



E' un servizio rivolto al web, all'editoria alla televisione e offre remunerazioni molto più interessanti ed in linea col mercato americano.

Faccio un esempio: Questa immagine offerta nelle varie risoluzioni ha un target di vendita tra i 20 dollari ed i 60. Ovviamente da detrarre le commissioni di agenzia.
Entrambi i servizi hanno una procedura di iscrizione, caricamento immagini e pagamento molto semplificata e sono una buona alternativa alla dispersione gratuita di tanto lavoro fotografico.
Nonostante la conversione dollaro Usa Euro non sia oggi molto vantaggiosa per noi, i prezzi spuntati sono decisamente interessanti a fronte di volumi di vendita non molto elevati.



martedì 18 dicembre 2007

Banner pronti su Pixelgratis

Profumo di festività ? Scarsa voglia di lavorare ?





Ecco una ricca collezione di basi per banner su Pixelgratis.com

Crea pulsantini online

Oltre che con i normali programmi di grafica, è possibile creare i classici bottoncini come questi anche con un utile servizio on-line offerto dal sito Pixel button.



La sua caratteristica principale è che l'immagine viene creata oltre che in gif o png, anche in base64 encoding.
Infatti è il codice HTML stesso che contiene l'immagine ed è autosufficente.
Non è necessario salvare l'immagine del bottone.
Questo tipo di codifica è chiamata Data: url.
Attualmente è supportato da Mozilla (e suoi derivati come Firefox), Opera , Safari e Konqueror; Microsoft Internet Explorer lo supporta dalla versione 7.

Dal pannello di controllo si possono inserire i dati, scegliere il colore dello sfondo e dei bordi ed ottenere il codice.



A questo punto premendo, crea bottone otterete l'immagine gif o png come questa evidenziata e premendo successivamente su data: url , il codice html.

Volendo è possibile effettuare una piccola modifica per aggiungere manualmente il comando href = "http: //esempio/" , per rendere il bottone attivo e funzionante con indirizzamento al link del sito al quale volete effettuare il collegamento.

Se il vostro browser è explorer 6 l'immagine non si comporrà e vedrete solo un riquadro colorato

photo xgraph

Ecco come appare il codice di esempio per il bottoncino creato per il sito PhotoXgraph integrato del comando link.






sabato 15 dicembre 2007

PhotoXgraph sostiene TeleThon


Un piccolo gesto per aiutare la ricerca: con gli Sms Solidali sostenere la sfida di Telethon alle malattie genetiche è semplice e immediato.
Dal 1° al 31 dicembre, infatti, i gestori di telefonia mobile (Tim, Tre, Vodafone e Wind) offrono l’opportunità di donare 2 euro alla ricerca Telethon inviando un sms al 48548.
La maratona televisiva è dal 14 al 16 dicembre.

venerdì 14 dicembre 2007

Vendere Foto On-Line


Fioriscono ovunque sistemi per creare gallerie di foto on-line che sicuramente offrono una vetrina per i neo-fotografi, per farsi conoscere, apprezzare ed ottenere anche delle buone possibilità di ingaggio.
Certamente i siti che ospitano gratuitamente queste immagini ottengono numeroso materiale che gli permette di generare consistenti volumi di traffico.

Ma proviamo a considerare anche la possibilità che mentre siamo in giro con la nostra fotocamera digitale od anche il telefonino, ci dovesse capitare di assistere ad un evento davvero eccezionale e di essere gli unici a poterlo documentare con le nostre foto.

In questo caso cosa faremmo ? La esporremmo su Flickr ?
Proveremmo a venderla a qualche giornale se trattasi di foto di cronaca?
Ed a quanto?
A tutte queste domande risponde con un servizio esclusivo la più grande agenzia del mondo.
Si tratta di Scoopt, l'agenzia disponibile ad accettare l'incarico di vendere per conto nostro le foto eccezionali incaricandosi di contattare quasi tutte le migliori testate editoriali del mondo.

Se la foto è davvero la testimonianza di un importante avvenimento di cronaca è accettata anche la misera qualità di un telefonino pur di aver documentato l'avvenimento.

Fate un giro sulla gallery e se ritenete di avere foto più interessanti di quelle che sono esposte provate a proporle. Il servizio richiede una semplice registrazione, l'invio attraverso email delle immagini e la ricezione dei corrispettivi pagati per la vendita della vostra immagine al netto delle commissioni di agenzia.

Naturalmente bisogna conoscere l'inglese per intrattenere i rapporti via email con l'agenzia.

Qualsiasi dubbio può essere chiarito attraverso la lettura delle faq.

Naturalmente questo è il servizio per vendere le foto di eventi eccezionali, per vendere invece belle immagini ma di repertorio , ad esempio collezioni di fiori, animali, paesaggi, ecc. ci sono altri servizi di agenzia che vi segnalerò nel prossimo articolo vendere foto.

Intanto preparate immagini ad alta risoluzione . Infatti l'editoria necessita di 300 dpi di risoluzione.

giovedì 13 dicembre 2007

Stop alla Pubblicità che fa Vendere !?

In sintesi questo è l'annuncio dato dalla Nintendo per la sua consolle Wii.

Lo riporta il sito Draft in questo articolo e data l'autorevolezza della fonte non c'è da dubitarne.

Mi "si consentano" però alcune riflessioni e considerazioni.

Ho visto pubblicità fermate perchè lesive della concorrenza, quelle fermate perchè palesemente ingannevoli, quelle fermate perchè contrarie al comune senso del pudore.

Che io ricordi è la prima volta che sento che si ferma una campagna pubblicitaria che genera vendite.

La pubblicità ha o dovrebbe avere proprio questo come scopo, la comunic-azione.
No, il trattino non è un errore, l'ho messo apposta per suddividere la parola nei due contenuti propri del messaggio pubblicitario cioè:
Far conoscere il prodotto-Generare l'azione dell'acquisto.

L'ondata di vendita che si dovrebbe scatenare ogni volta che una buona campagna pubblicitaria fa centro è quello che il management di ogni impresa si augura .
Questo permette all'impresa di ottenere un'aumento della quota di mercato, una maggiore immagine di marchio, una posizione dominante rispetto ai principali competitor internazionali.

E non solo , infatti quello che genera è anche un immediato ritorno dell'investimento speso nella ricerca e quindi di ottenere una situazione economica di vantaggio rispetto alla concorrenza perchè il momento successivo è agire sul fronte della riduzione del prezzo.

Infatti avendo già recuperato sia le spese di lancio del nuovo prodotto sia gli investimenti diventa facile sbaragliare la concorrenza vendendo lo stesso prodotto ad un prezzo più basso rispetto a coloro che si propongono successivamente con i cloni del prodotto innovativo.

Avete mai provato a seguire le tecniche di lancio e la politica dei prezzi di un'azienda come Canon?
La sequenza che segue per tutti i suoi prodotti è facile:
1)capire le aspettative del mercato
2) innovare il prodotto
3) venderlo come novità assoluta
4) abbassare il prezzo
5) renderlo obsoleto con il lancio di una nuova innovazione.

Sarà criticabile perchè abbassa la vita utile di un prodotto ma alla fine centra l'obiettivo di creare per ogni fascia di clienti il giusto rapporto qualità prezzi sia pure in un tempo differito.

Certo si può obiettare che fermare la campagna è perchè si può essere creato un punto di crisi distributiva in seguito ad un mercato in cui la domanda supera l'offerta.

Io rispondo che mi è difficile credere che si arrivi a tal punto, perchè le imprese gestite da manager del livello sicuramente presente nella Nintendo, non lavorano mai a pieno regime .
Qualsiasi catena di produzione e qualsiasi macchinario è progettato per lavorare a volumi almeno tre volte superiori dei cicli medi stabiliti se non di più (date un'occhiata alle caratteristiche di una semplice stampante, le differenze tra ciclo medio e volumi di picco).

Questo si fa proprio perchè le stime di penetrazione di un prodotto sul mercato non sono poi così attendibili e quindi per poter fronteggiare un picco di domanda, si lavora a regimi più bassi, ma pronti a moltiplicare la produzione nell'arco di pochi giorni.

Oltretutto la globalizzazione ha insegnato che non tutti i mercati rispondono ad un prodotto nella stessa maniera, per cui le scorte produttive centrali possono essere dirottate sui mercati più promettenti ritardandone la distribuzione in altri mercati meno favorevoli.

Allora, a meno che questa non sia a sua volta un' ulteriore abile operazione di marketing, per far passare l'idea che il prodotto "stia andando a ruba", ho sinceramente qualche difficoltà a capire le decisioni del management perchè le trovo un tantino diverse da quanto si apprende dai testi.

by Serena Chiatante

Le videopubblicità anni '80 e più


Rendere disponibile una carrellata delle maggiori pubblicità trasmesse in Italia negli anni passati è l'operazione effettuata da Spot80 sul sito Torino International.

Gli spot suddivisi in ordine alfabetico formano la piccola antologia sottoposta ad implementazioni continue visionabile sul sito.

Il valore antologico di tale raccolta è tale che i curatori collaborano con la trasmissione di Enrico Mentana "Matrix" per la realizzazione di un ciclo di puntate dedicate alla storia della pubblicita' italiana.

Le prime due puntate sono già andate in onda il 30 novembre ed il 7 dicembre.

Sul sito al momento è disponibile lo speciale sulle vecchie pubblicità natalizie.

Hp Indigo 5500

HP Indigo Press 5500


Eccellente tecnologia a inchiostro liquido HP ElectroInk

Ampia gamma cromatica con stampa fino a 7 colori

Gestione affidabile del colore con l'emulazione HP Professional PANTONE© e i profili ICC

Capacità di colori speciali e spot, compresi i nuovi inchiostri fotografici — ciano chiaro e magenta chiaro, digital matte e colori di marchio

La tecnologia di posizionamento dei punti ad alta definizione consente 1200 dpi e un guadagno dei punti zero per una stampa superiore sia di linee che di testo microscopico

Nuove tabelle dei colori fotografici

La migliore precisione ed omogeneità dei colori
Supporta 68 ppm a colori, 136 ppm in bicromia e 272 ppm in monocromia in una macchina da stampa, a prescindere dal tipo di supporto o dallo spessore.
Scarica il pdf

mercoledì 12 dicembre 2007

La stampa digitale con XEROX 8000

Ecco la novità XEROX nel campo della stampa digitale.



Alcune delle caratteristiche :
80 pagine al minuto in formato a4
2400 x 2400 dpi x1bit
Carico medio di lavoro dalle 100.000 alle 400.000 pagine mensili
Ciclo mensile di funzionamento di 1.500.000 pagine

Ulteriori info sul pdf

PhotoXgraph partecipa al premio WWW Sole 24 ore


Premio WWW. Sole24 Ore: c'è anche PhotoXgraph nella categoria siti di informazione
ed allora
VOTA ANTONIO - VOTA ANTONIO !

Scherzi a parte è un onore che uno scherzoso blog come il mio venga inserito tra i siti di informazione e ricevere qualche voto mi lusingherà.

Grazie in anticipo e spero possiate vincere il Fuoristrada in palio.

Per votare clikkate qui.

Il freeware per riprodurre i colori


Della Blacksun software è opportuno segnalare un software che viene in aiuto quando vorreste riprodurre un particolare tipo di colore che avete visto e che vi diventa difficile in quanto non avete le specifiche dei canali RGB, CMYK, ecc.

Tramite la funzione contagocce è sufficiente puntare sulla parte di schermo interessata dal colore che volete prelevare e vi verrà fornita la decodifica numerica da inserire.



Chiarisco con l'esempio: vorrei prelevare una sfumatura di colore da una foto.
Bisogna attivare il programma precedementemente scaricato dal sito , poi selezionare a destra lo zoom 1x o di più per poter prelevare il colore di un singolo pixel.

Nella barra a sinistra sotto change font selezionare la scala ulteriore che vorreste utilizzare, in questo caso ho messo CMYK per un prodotto da stampa. Infine cliccare sulla pipetta e trascinarla sul punto colore da duplicare, ottenendo così la esatta decodifica sia in RGB che CMYK.



Ma non è finita, se a questo colore vi venisse voglia di abbinare il suo esatto complementare per ottenere dalla contrapposizione colori caldi e freddi degli effetti o gradienti di buon impatto visivo, sarà sufficiente premere il tasto invert ed il gioco è fatto .


Attenzione la versione free 2.5 di Colormania è solo per Windows .

Per Mac c'è un'altro programma con funzioni molto simili :


Pixelinspector scaricabile da softpedia

martedì 11 dicembre 2007

Trasferire file fino a 250 mb

Indubbiamente i due megabyte per il trasferimento file che avevo segnalato nel precedente articolo "Appunti in rete ... " non sono sufficienti per trasferire dei file di grosse dimensioni o un programma.

Allora ci viene in soccorso questo utile servizio, ancora in versione beta e che non richiede, cosa che a me non dispiace, alcuna registrazione.

E' sufficiente aprire il sito fileurls premere il pulsante sfoglia e caricare il file , scegliere per quanti giorni conservarlo, fino a un massimo di 7, e che non superi la dimensione massima di 250 megabyte,mettere il segno di spunta alla casella password ed assegnarne una di vostro gradimento.

Infine premere "get url" per ottenere l'url su cui sarà temporaneamente parcheggiato il file, e che risulterà prelevabile da coloro a cui comunicherete sia il link sia la relativa password.

I Vincitori del concorso Latina 75

Dopo la conta dei plichi, risultati essere in numero di 28, si è proceduto all’apertura e all’esame delle proposte, individuando all’unanimità i vincitori:
- per il marchio- logotipo con il motto "Latina Olim Palus" Francesco Loschiavo di Stefanaconi (VV) (cui andrà un premio di 3000,00 Euro);
- per il manifesto con il motto "Nulla è per sempre" Fulvio G.M. Vignapiano di Latina (cui andrà un premio di 1500,00 Euro).
Sempre all’unanimità la giuria ha deciso di non riconoscere i restanti premi e di destinare una quota parte alla pubblicazione di un catalogo ed un’altra ad una mostra delle proposte giunte per il concorso.
Il marchio – logotipo ed il relativo manifesto vincenti avranno una funzione identificativa dell’evento e costituiranno un riferimento visivo dell’importante anniversario.

I vincitori saranno premiati dal Sindaco Vincenzo Zaccheo venerdì 14 dicembre alle ore 12.30 nella sala consiliare del Comune.

Le news dal comune

via

domenica 9 dicembre 2007

Oki - La nuova A3 a tecnologia diodi laser


OKI Printing Solutions presenta la nuova C9650, l'ultima componente della Serie C9000, la pluripremiata famiglia di stampanti a colori in formato A3 apprezzata in ambito business per le prestazioni e la capacità di facilitare le aziende nella produzione interna di documentazioni professionali.

C9650 permette di concentrare in un’unica soluzione, caratterizzata da un eccezionale rapporto di convenienza, la risposta a tutte le esigenze in materia di produzione documentale. Questa stampante garantisce un ottimo livello di flessibilità ed è in grado di rispondere alle più differenti richieste in termini di creatività. C9650 può gestire supporti cartacei con grammature fino a 300 gr/m2, produrre striscioni con lunghezze fino a 1,2 m ed è dotata di un'ampia gamma di opzioni di finitura.

Altri punti di forza della nuova C9650 sono dati dalla sua velocità di stampa che è in grado di raggiungere le 40 ppm in monocromia e 36 a colori, dall'integrazione del duplex, sia in formato A3 che A4, e dalla presenza del sistema di gestione del colore Graphic Pro, una soluzione che permette agli utenti il caricamento diretto sull'hard disk della stampante dei profili colore per una rispondenza perfetta. C9650, come tutti i prodotti della gamma OKI Printing Solutions, utilizza lo speciale toner ad alta definizione che permette di ottenere un elevatissimo livello di dettaglio, una maggiore profondità del colore e una chiarezza di stampa per risultati eccezionali su ogni supporto.

comunicato Oki

sabato 8 dicembre 2007

PRFCHEM - L'inchiostro a solvente per le inkjet


La Printerfox, meglio conosciuta con il suo store on-line Colortoner, ha realizzato un inchiostro a solvente puro che permette di stampare con una normale inkjet (o un plotter inkjet piezoelettrico) su tutti i supporti su cui stampano i normali inchiostri a solvente, dalla carta satinata e plastificata, ai lucidi, ai metalli tipo rame ed anche sulla plastica.
La sua peculiarità è di funzionare con le testine delle inkjet piezoelettriche (a freddo) come quelle delle Epson Stylus D92, R360, Pro 4000 etc.

L'intuizione di combinare solventi antagonisti tra loro ha infatti reso questo inchiostro tollerabile dalle normali testine inkjet piezoelettriche; non c'è invece alcuna compatibilità con le testine a caldo (Hp e Lexmark) a causa dell'elevata infiammabilità del prodotto.


I risultati di stampa, sia a livello tintometrico che a livello di essiccamento, sono ottimali, con tempi di asciugatura accettabili anche su plastica, poliestere, rame.


Anche le testine, dopo circa 20 giorni di test, sembrano non manifestare segni di usura da aggressione chimica;


A breve quindi procederanno a brevettare la formula.


Con la formulazione del PRFCHEM stabile ed anche se i tests continuano, si può cominciare a parlare di produzione.


Poichè la messa in produzione di questo inchiostro richiede un cospicuo investimento, la Printerfox ha deciso di raccogliere l'interesse e la propensione all'acquisto del prodotto finito, che avrà un prezzo finale di circa € 80 a litro.


Per non rischiare di mettere in produzione qualcosa non rispondente alle aspettative del mercato propongono un sondaggio e un forum sul sito http://www.piazzastampa.it/ per rispondere direttamente alle domande sul PRFCHEM.

Aggiornamento al 22/5/2008 Sito e link non più funzionanti.

Su Colortoner non c'è più traccia del progetto.

Iniziativa fallita?





venerdì 7 dicembre 2007

Appunti in rete.... senza rete

Se vi capita di lavorare su computer diversi e dover spostare appunti o immagini da un computer ad un'altro, vi sarete imbattuti anche voi nei miei problemi ricorrenti, avete dimenticato la chiavettaUSB oppure è piena o non ricordate l'email del cliente a cui dovete far vedere il file, allora viene in soccorso un'applicazione molto semplice, un blocco note su internet.
Per utilizzarlo è sufficiente andare su http://cl1p.net/ e aggiungere la cartella (ho usato per l'esempio la parola "transport") in cui contenere gli appunti o il file di massimo 2 mega .

Per vedere l'esempio clikka qui: http://cl1p.net/transport

Scrivete il testo degli appunti o caricate il file e indicate tra le opzioni il tempo che volete sia conservato il file da minimo un'ora a più di sei mesi e salvate.
A questo punto pur non avendo i computer in rete avete utilizzato internet per condividere le informazioni con tutti coloro con cui volete, senza l'utilizzo di email , trasporti o procedure di update più o meno complesse.

E' sufficiente aprire da qualsiasi altro computer la stessa directory.
Volendo si può proteggere il tutto con password.

Certo due mega sono un po pochini ma per una clipboard per gestire appunti e farne "copy and past" penso possano bastare, nulla vieta di aprire una nuova cartella, il servizio è gratis.

All'interno dell'esempio ho caricato anche la gif di un bottone PhotoXgraph in stile web2, è solo un po di sana pubblicità, continuate pure a scrivermi non è che mi sono montata la testa.

E auguri per la prima festività di Dicembre.

giovedì 6 dicembre 2007

Natale in Eps



E per il Natale si trovano anche dei vettoriali in eps sul sito Magicpeople.org

Natale Clipart & Texture



Se vi sta capitando di essere a corto di idee ed in arretrato con le consegne per il Natale, può esservi d'aiuto questa risorsa grafica appositamente disponibile in rete.

Texture, bordi , clipart a tema natalizio sono diponibili sul sito Busharts

L'Albero di Natale senza abbattere nessun Abete

Il clima natalizio si comincia a sentire, è tempo di preparare l'albero ma anche di fare nuove conoscenze.

Ed allora grazie a Scattodesign (alias Daniele Cogo che avevo segnalato in un precedente articolo sui monitor) si viene a conoscenza di un'altro sito di grafica che mi piace poter segnalare.


L'autore nell'ultimo post si diverte a dare le istruzioni per realizzare e addobbare un albero di Natale, tutto in Illustrator.



Davvero divertente e ben fatto, come il resto del sito Graficare. Mi sono immersa in un piacevole "surf" da una pagina all'altra.

E per quest'albero di Natale non è stato abbattuto nessun abete.

Non so voi ma io vado a fare un'altro giro anche sulle pagine più vecchie.

mercoledì 5 dicembre 2007

Rivoluzione nel PDF

Importanti cambiamenti nel futuro per il Portable Document Format

Il PDF è stato approvato come standard ISO

La votazione favorevole fa sì che Adobe non avrà più un controllo totale sulle sue future evoluzioni.

Il nome del nuovo standard di formato sarà ISO 32000.

Questo è l'annuncio dato oggi in anteprima da :

Computer World On Line
PCWORLD.IT

leggi l'articolo completo

Brushes Photoshop..... ancora !?


Continuo con le segnalazioni delle risorse grafiche disponibili in rete.

Oggi è la volta di una designer asiatica che ha approntato delle risorse per il Web che spaziano dalle immagini in png agli avatar, dai bottoni agli sfondi.

La risorsa migliore sono, a mio parere, gli ABR, cioè i set di pennelli per photoshop che ha reso disponibili, comunque farsi un giro a curiosare nel sito blindingh-light può essere di spunto per qualche buona idea.

Buona navigazione.

Sottoscrivi feed

Archivio per data di pubblicazione

PhotoXgraph........ ovvero.... i mille appunti sulla disordinata scrivania di.......... Serena Chiatante

Declaratoria legale ai sensi della legge 62 del 7 Marzo 2001

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001