Cerca articoli su photoXgraph

Ricerca personalizzata

Risultati

sabato 23 febbraio 2008

Pubblicità Censurata in mostra a Torino

In mostra a Torino oltre 50 Manifesti esaminati dal Gran Giurì dell'autodisciplina pubblicitaria.

Sei aree tematiche che fanno riferimento a specifici articoli del Codice di Autodisciplina, e per ognuna sono esplicitate le ragioni del si e le ragioni del no in relazione alla decisione finale del Giurì sulla sospensione o meno delle campagne stesse.


Il Corpo dei desideri, è dedicata all’utilizzo del corpo femminile e alla dignità femminile.

Credere o non credere per le pubblicità giudicate non veritiere.

Colpire l’occhio raccoglie messaggi pubblicitari che rappresentano scene di violenza fisica o morale.

La cintura di sicurezza per i messaggi pubblicitari che rischiano di indurre a comportamenti pericolosi.

Scherza coi fanti per le offese alle convinzioni morali, civili e religiose dei cittadini.

I bambini ci guardano per le pubblicità che fanno leva su bambini e adolescentie potenzialmente dannose sia psicologicamente che fisicamente

Da oggi venerdì 23 febbraio 2008 al Maneggio Chiablese della Cavallerizza Reale di Torino.


La mostra propone tante immagini, alcune anche “scioccanti” e con la motivazione della Censura apertamente dichiarata in calce, è aperta alla cittadinanza e alle scolaresche, in particolare agli studenti e alle studentesse degli istituti grafici della città di Torino, per i quali è prevista una serie di visite guidate.

Una visita che invita a riflettere anche chi la pubblicità la fa per non rischiare la censura o il pubblico linciaggio su siti di opinione come Spotanatomy.

Alcune immagini sono già presenti nella fotogallery su LaStampa.it

Nessun commento:

Sottoscrivi feed

Archivio per data di pubblicazione

PhotoXgraph........ ovvero.... i mille appunti sulla disordinata scrivania di.......... Serena Chiatante

Declaratoria legale ai sensi della legge 62 del 7 Marzo 2001

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001