Cerca articoli su photoXgraph

Ricerca personalizzata

Risultati

mercoledì 23 aprile 2008

Il Marketing... partigiano !?

Marketing news dall'estero

Vendite alle stelle anche per Aquarius, un soft drink targato Coca Cola che si presenta come un mix tra acqua tonica e energy drink.

Il lancio della bevanda in Messico è stato affidato dalla multinazionale di Atlanta alla società di comunicazione Agenzia Santo di Buenos Aires.

Da allora lo spot messo a punto per diffondere la bibita in America Latina (a partire dal Messico) è diventato una sorta di tormentone, che ha provocato reazioni di sdegno tra i gruppi di sinistra italiani.

La ragione è semplice.

Lo spot che pubblicizza Aquarius ha come sottofondo le parole dell’inno partigiano Bella Ciao, riproposto in versione ska-punk.

La maggioranza degli adolescenti che hanno visto lo spot si rincorrono su internet per scoprire di chi sia la famosa canzone e la musica ormai accompagna i drink sulle spiagge.
Una strategia pubblicitaria vincente, perché la «canzone» spopola e attira l'attenzione.
Ma che in Italia, agli ex partigiani, proprio non va giù.

Perché rivendicano l'origine e il significato storico di Bella Ciao, inno della guerra partigiana.E non ammettono che la canzone venga associata a un soft drink, per di più di una multinazionale, a loro parere, equivoca come la Coca Cola.

Alcuni gruppi di italiani all'estero, in primis il gruppo AlterIta in Messico, con il supporto di intellettuali italiani, hanno denunciato l'uso improprio dell'inno partigiano e stanno cercando di sensibilizzare l'opinione pubblica al riguardo. Il loro obiettivo è raccogliere sul loro blog quante più firme possibili che dimostrino il dissenso nei confronti di quanto sta accadendo.

Al tempo stesso stanno preparando comunicati stampa per chiedere la fine della trasmissione dello spot.

Da parte della Coca Cola non è ancora arrivata nessuna risposta.
Al posto della multinazionale parlano per il momento le parole pubblicate sul quotidiano argentino La Nacion che, a proposito del nuovo marketing dell'azienda di Atlanta, afferma: «La componente emozionale e, quindi, irrazionale è fondamentale per commercializzare le marche ed è la piattaforma di campagne con una creatività orientata alla trasmissione dell'intangibile quella destinata ad avere successo».

E a quanto pare, l'elemento irrazionale che colpisce, sgomenta, e perfino irrita, funziona. Almeno nel caso delle campagne pubblicitarie di Absoulut Vodka e Aquarius Coca Cola.

via

Nessun commento:

Sottoscrivi feed

Archivio per data di pubblicazione

PhotoXgraph........ ovvero.... i mille appunti sulla disordinata scrivania di.......... Serena Chiatante

Declaratoria legale ai sensi della legge 62 del 7 Marzo 2001

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001